"Prima di insegnare alle persone a colpire, insegno loro a pensare" di Avi Nardia

Articolo tratto da https://www.israelhayom.com/2020/07/21/before-i-teach-people-to-hit-i-teach-them-to-think/

Avi Nardia: insegniamo alle persone a sopravvivere nella neve e nel ghiaccio con nient'altro che un coltello



Sai come guardi i film di James Bond e ti chiedi perché il regista abbia ritenuto necessario andare in mare? Non è possibile che qualcuno si stacchi le mani mentre i piedi sono legati, disarmano quattro guardie e scappano dalla finestra usando una corda fatta di lenzuola.

Ma dopo aver parlato con Avi Nardia, nulla di tutto ciò sembra "esagerato".

"Quando faccio una corda con la carta igienica, i miei studenti sono scioccati", dice Nardia a Israel Hayom , parlando da casa sua a Belgrado.

"Non è un problema. È come creare una corda di paglia o lana. Devi arrotolare la carta in un certo modo, intrecciarla, fare ogni sorta di piega e poi hai una corda molto forte, una che i miei studenti possono ' lacrima ", dice.

Nardia, 58 anni, viaggia per il mondo, facendo del bene e talvolta spaventoso lavoro di PR per Israele. È un maestro di diverse arti marziali e ha usato le sue conoscenze cumulative per sviluppare un'arte marziale israeliana nota come KAPAP, che è diversa dal Krav Maga che l'IDF insegna nell'allenamento di base.

"Fondamentalmente, ci sono combattimenti in piedi, combattimenti per terra, combattimenti con armi e combinando quelli che ho costruito un'arte marziale israeliana - KAPAP. Il Krav Maga di base è stato sviluppato negli anni '60 ed è limitato alla conoscenza che era disponibile allora. Oggi i combattimenti sono diventati molto più complessi e richiedono maggiori conoscenze - cadute, pugni e calci. Inoltre, l'autodifesa richiede familiarità con le armi - combattimenti con coltelli, pistole, fucili, perché un terrorista di solito ti farà saltare con un'arma e devi sapere come disarmarlo ", dice Nardia.

"Il miglioramento offerto da KAPAP è che include tutto. Ho messo la sopravvivenza nel deserto - in condizioni di ghiaccio, neve e deserto. Abbiamo un seminario chiamato" Solo un coltello ", in cui un partecipante riceve un coltello e gli insegniamo come usarlo come strumento di sopravvivenza - come costruire un riparo, accendere un fuoco e ogni giorno insegniamo a combattere ", dice.

Nardia discute i problemi con il tradizionale Krav Maga: "Esiste un detto latino" Attenti alla persona di un libro ", perché una persona che ha letto un solo libro nella sua vita e basa tutte le sue conoscenze e opinioni su quel libro è pericolosa Questa è la limitazione che vedo nel Krav Maga che conosciamo, che si basa sulla consapevolezza di una persona che secondo me non era abbastanza professionale. Se vuoi essere il miglior judoka del mondo, devi concentrarti sul judo. vuoi essere il campione del mondo di scherma, concentrarti sulla scherma, ma per praticare l'autodifesa, essere un guerriero, non puoi concentrarti solo su una cosa. Hai bisogno di una conoscenza assoluta. Questa è la differenza tra fare questo come sport e come autodifesa ".

D: Fai un esempio.

"Quando ho insegnato il kendo [tradizionale abilità di spada giapponese] in Israele, ad una lezione alcuni grida punk," Che schifo! Chi combatte così, con una spada? Cosa farai per strada? " L'ho portato sul palco e ho usato il dito per fare tutto ciò che avevo fatto con la spada, ed è rimasto scioccato. Devi sapere come trasformare la conoscenza. Non do pesce alle persone, insegno loro a pescare. Il momento Ti do un pesce - tecnica - avrai qualcosa da mangiare, ma se ti insegno a pescare, ti ho insegnato un concetto. "

"Prima di addestrare le persone a colpire, le alleno a pensare. Dico sempre:" Niente cervello, niente KAPAP ". Se vuoi combattermi e non usare il cervello, fallirai. Una persona deve pensare, questo è il muscolo più importante. Sono un ragazzo piccolo, non un gigante. Negli Stati Uniti sceglierei il persone più grandi [per dimostrare] ai miei seminari, persone che pesavano 150 kg. [oltre 300 libbre], per mostrare come avrei potuto vincere io, pesando 65 kg. [143 libbre].

"Prima di tutto, devi insegnare alle persone a pensare, non al panico. Abbiamo naturali paure di soffocamento, di essere sepolti vivi, quindi corro il seminario di fuga - addestramento in cui rapisco le persone e insegno loro a liberarsi dalle manette, dalle fascette, dal nastro che le lega: come sopravvivere psicologicamente a ogni tipo di situazione, come funzionare sotto pressione. È un intero processo di costruzione, non solo "calcia e corri".

"Non sono nato un genio, ma sono un deposito di esperienze e questo è ciò che mi rende un buon insegnante. Non sono un maestro che viene attaccato da 80 persone da ogni direzione e salta in aria. Succede nei sogni delle persone. Sono un maestro come insegnante che può vedere chi sto affrontando ciò che hanno e, soprattutto, ciò che manca, e so come risolverlo. Mi vedo come un artista marziale. Perché "artista "? Un artista prende una roccia, le dà alcune colpi con un martello e appare una scultura. Prendo una scultura vivente, una persona e creo qualcosa di straordinario."

Nardia ha addestrato squadre di forze speciali in tutto il mondo

"È molta psicologia, molti trucchi - come nel giro di un secondo li trasformi dalle persone più carine in combattenti. Non possono correre dietro la palla - devono ricevere esercitazioni che li faranno combattere per quello. E se lo togliessero? Continuate a combattere. Ho visto combattimenti in cui un combattente ha diviso l'altro e poi, per il suo ego, ha iniziato a far oscillare il braccio per un ultimo pugno e improvvisamente, la testa dell'avversario si accende e abbatte l'altro ragazzo in un knockout. In battaglia, non è mai sicuro chi vincerà fino alla fine. Se ti ho mandato a combattere Arik Ze'evi e pensi che vincerà perché è una medaglia olimpica, hai già perso. A causa di questo pensiero. Alle persone deve essere insegnato a pensare correttamente. Se assumo Arik Ze'evi, lo mangerò vivo. È così che penso.Non per ego, ma perché è così che dovresti andare in battaglia.

"C'è un detto che dico ai miei studenti: 'Puoi uccidermi, ma non puoi sconfiggermi." Quando Arik Ze'evi perse, l'avversario lo "uccise", ma nel momento in cui è caduto e ha iniziato a piangere, è stato sconfitto perché si è rotto mentalmente. Quando una donna viene violentata, viene "uccisa", ma non dovrebbe lasciarli vincere. Quando puoi inculcare questa mentalità negli atleti, non importa se perdono, perché non si vedranno come perdenti. Quindi è necessario insegnare ai bambini come perdere. L'altro era migliore, più veloce? Bene, verrò l'anno prossimo, la prossima partita, e mi allenerò di più. Ho solo una mano e il mio avversario ne ha due? Trova, questa è la situazione, ma non è una scusa. "

D: In che modo la pandemia di coronavirus ha influenzato le arti marziali?

"Ho parlato con alcuni insegnanti molto famosi che chiudono le loro scuole e non si riapriranno. Le arti marziali sono uno dei campi più colpiti dalla corona, che penso stia causando un inutile panico. Hanno fatto in Ebola, ma è l'influenza. È triste per me vederlo spazzare via il nostro campo, soprattutto perché le arti marziali non sono uno sport e non ricevono finanziamenti dal governo. Gli allenatori non ricevono stipendi e andranno rotto."

Nel corso degli anni, Nardia ha fondato accademie di arti marziali in Africa come parte di quella che definisce una "mitzvah sociale".

"Sostengo le scuole nelle baraccopoli di Mombasa e di Kibera e invio loro denaro in modo che i bambini seguano una buona strada, piuttosto che cadere nel crimine. In Africa ci sono già 10 bambini di nome Avi Nardia. Purtroppo uno di loro è morto tre mesi fa È un onore che le persone nominino i loro figli come me ed è perché insegno anche morale e valori, non assumerò persone che continueranno a usare ciò che insegno loro per fare cose cattive.

"In uno dei seminari femminili, dove insegno a sfuggire a situazioni di ogni genere come tentativi di aggressione o stupro, c'era uno studente che mi ha chiesto, mentre stavo lavorando con una delle donne, 'Come posso afferrarla così lei non riesci a scappare? " L'ho preso e l'ho colpito di fronte a tutti e gli ho detto: "Esci, sei uno stupratore". Potevo davvero sentire che era uno stupratore che era venuto a sapere cosa fare. Non mi vergogno di cacciare gli studenti. Quando vedo che qualcosa non va, mi fermo. Quando le persone mi chiedono di cosa hanno bisogno per imparare il KAPAP, dico integrità. Fai la cosa giusta anche quando nessuno sta guardando, e questo è qualcosa che manca in molte arti marziali ".

"Possiedo un coltello della collezione di [l'ex dittatore libico Muammar] Gheddafi che uno dei miei studenti mi ha dato dopo che [Gheddafi] è stato giustiziato. Era un bambino che era lì durante la rivoluzione, che cammina in Libia indossando una maglietta con scritto KAPAP I miei studenti si sono allenati in Indonesia e in Libia indossando camicie KAPAP per quasi 15 anni. Il mio più grande successo è che insegno nella città di Dachau. Ho insegnato lì in una scuola nella zona industriale e dalla finestra abbiamo potuto vedere le torri di guardia del campo di concentramento. Era surreale che io, indossando una maglietta nera con un'enorme stella di David con sopra scritto KAPAP, e tutti sapendo che sono ebreo e israeliano, insegnavo lì un'arte marziale israeliana ".

D: Hai riscontrato antisemitismo nei tuoi viaggi intorno al mondo?

"No. Forse non lo stavo cercando, e forse non esiste nel modo in cui la gente ne parla. Durante i disordini negli Stati Uniti, c'erano cose orribili lì. Tra le altre cose, hanno spruzzato qualcosa di Palestina su una sinagoga e immediatamente la gente si precipitò a dire che era antisemitismo, ma quando gli hooligan scendono in strada tutti gli hooligan si presentano.

"Quando arrivo in Israele, c'è un ragazzo di Umm al-Fahm che si è già presentato per quattro seminari per allenarsi e imparare. Penso che nello sport e nelle arti marziali ci connettiamo più come esseri umani. Salah al-Majaj, il figlio dell'ex sindaco di Gerusalemme est Amin al-Majaj, addestrato con me. C'erano piloti e persone dell'unità Sayeret Matkal che studiavano con me dicendo: "Ma lui è un arabo" e io dissi loro: "Ecco. vuole andarsene, dovrebbe andarsene. Il kendo è uno sport e non mescolo politica e sport ".

"Qualche anno fa, atterro in Australia per un corso e vedo subito che ci sono alcuni arabi nel gruppo. Ne prendo due, li do il cinque e li metto vicino alla bandiera israeliana e faccio stare tutti in piedi per una foto di gruppo. Vedo che stanno impazzendo ma hanno paura di me. Più tardi, uno dei ragazzi ci portò fuori per un pasto e al ristorante tirò fuori un rotolo di centinaia di dollari. Dico: "Tell io chi sei "e dice:" Sono il figlio del più grande spacciatore di droga in Libano. Sono scappato da mio padre. Non voglio essere coinvolto in criminalità e droghe, quindi mi sono trasferito in Australia ". Si innamorò così tanto di KAPAP che si sarebbe recato nel quartiere libanese in Australia indossando la nostra maglietta, su cui è scritto KAPAP in ebraico e forze speciali israeliane in inglese ".

Q: Ti definisci l'ambasciatore di Israele nel mondo.

"Sicuramente, e sono un buon ambasciatore. Ho studenti che hanno studiato karate per 20 anni e non hanno mai appeso una bandiera giapponese nelle loro scuole, ma quando hanno iniziato a studiare con me e poi hanno iniziato a KAPAP hanno appeso una bandiera israeliana. le cose che rendono unica un'arte marziale israeliana - prima di tutto, appendiamo la bandiera. Israele insegna la purezza delle armi, la moralità, i valori e un esercito morale. Questo è ciò che cerco di insegnare alla gente, non perché sono un eroe o qualsiasi cosa, ma perché è qualcosa che mio padre mi ha insegnato: morale, valori e amore per Israele ".



23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram